Oceani notturni

La notte e il suo silenzio incidono il mio tormento,
e liberano quella porta sospesa, celata dal giorno.
Tendo la mia mano al cielo, colorando d’argento una scia.

Sorrido mentre mi aggrappo alle stelle scalzo.

Spicco un volo sull’infinito mio,
oceani senza nome,
profondi come l’io.

 

Annunci